Cozy Powell, la “Ferrari” della batteria

Cozy Powell | They Are Gone - A Rockstars Tribute

Colin Trevor Powell, meglio noto come Cozy Powell, nasce a Circencester il 29 dicembre 1947. Inizia a suonare la batteria da giovane dopo che a 17 anni viene espulso dalla scuola, reputato come “cattivo soggetto”. Diventa quindi il batterista di numerose band della sua zona, tra le quali i Sorceros, dove milita Danny Ball, futuro membro di Yardbirds e Jeff Beck. Con la band parte in una lunga tournée in Germania e Turchia; una volta fatto ritorno suona con Casey Jones & The Engineers ma fa ritorno presto nei Sorceros che cambieranno nome in Youngblood.

La sua voglia di musica è irrefrenabile e forma gli Ideal Milk che però non registra alcun album. La band cambia nome in Ace Kefford Stand dopo l’entrata dell’ex star dei The Move. Dopo poco la band si scioglie forma i Big Bertha ma anche in questo caso il successo sembra lontano, così convince Danny Ball a formare un trio con Jeff Beck. Il gruppo funziona a meraviglia tanto che nel 1970 Beck li vuole entrambi nella sua band.

Nel frattempo i Big Bertha trovano un po’ di fortuna e nel 1971 parte in tournée in Germania. Con Jeff Beck si fa sul serio, specialmente dopo l’uscita dei due album Rough and ready e Jeff Beck Group. Nel 1972 trova tempo anche per sostituire Ed Cassidy negli Spirit.

Il 1973 è un anno di sperimentazione e nascono i Bedlam, nati dalla fusione di Ideal Milk e Big Bertha. Grazie all’omonimo album raggiungono i vertici delle classifiche, trascinati da hit come Main in Black, Na na na e Dance with the Devil.

Quando la strada per il mainstream è ormai spianata Cozy Powell si ritira dalle scene, dedicandosi ai motori, la sua grande passione. Diventò pilota di Formula 3 ed era un gran tifoso della Ferrari, come testimonia la scritta “Forza Ferrari” all’interno dell’album “Tilt”.

Dopo 3 anni lontano dalla musica, fa un rientro in grande stile con i Rainbow di Ronnie James Dio e Ritchie Blackmore incastonando la sua batteria in album considerati tuttora monoliti dell’hard rock: RisingLong live rock’n’roll, Down to Earth e il live On Stage.

Si lancia nella carriera solista e dal 1979 al 1983 incide 3 album, mentre nel 1980 lascia i Rainbow per i troppi dissidi con Blackmore. Le attività di Powell non si limitano alla carriera solista, ma è impegnato su tutti i fronti possibili. Tra il 1981 e 1982 suona su Line-Up di Graham Bonnet, due album con la band di Michael Schenker, M.S.G., e Slide-it-in con i Whitesnake che abbandonerà nel 1985 per un litigio con David Coverdale.
Nel 1986 sostituisce Carl Palmer negli ELP che diventano così Emerson, Lake & Powell, incidendo un album omonimo. Nel 1987 assieme al jazzista Peter York registra Super drumming, un album di sola batteria. Prima di entrare nei Black Sabbath nel 1989, registra con i Cinderella l’album Long Cold Winter e After the War con Gary Moore.

Con la band di Tony Iommi mette il suo sound in 3 dischi: Headless Cross (1989), Tyr (1990) e Forbidden (1995). Tuttavia non abbandona mai il suo progetto solista con i Cozy Powell’s Hammers, dando alle stampe l’album The drums are back nel 1992. Anche Bryan May lo vuole nel suo album solista Back to the light (1992).

Powell è instancabile e il 1997 è un periodo di grande attività trovando collaborazioni con S.A.S., Yngwye MalmsteenGlenn TiptonPeter Green. Cominciano i rumor riguardo una reunion dei Rainbow ma il 5 aprile 1998 Cozy perde la vita in un incidente stradale nei pressi di Bristol. Sotto una pioggia torrenziale, perse improvvisamente il controllo della sua Saab 9000 e muore sul colpo in seguito ad un terribile impatto con lo spartitraffico centrale.